Parafrasando Erri De Luca

Considero valore…
 …la solitudine e il dolore per la morte  di mia madre
 Considero valore…
il silenzio interiore in cui mi rintano e che mi avvolge come in un bozzolo
 Considero valore…
l’esistenza e la lunga vita di mio padre che ha attraversato il secolo scorso e che è ancora con me, affacciato al secondo millennio
 Considero valore…
l’affetto vero delle mie sorelle, che mi fanno compagnia con la sola presenza
 Considero valore…
l’amore incondizionato del mio compagno di vita, vicino a me anche nel dolore e nel senso di vuoto
 Considero valore…
la luce e l’aria frizzante del mattino, il poter camminare e il sorriso del giornalaio
 Considero valore…
l’arrivo del buio e il sonno notturno in cui dimentico la sofferenza di questi giorni tristi
 Considero valore…
lo sguardo intenso e la parola amichevole di una collega prima di entrare in classe
 Considero valore…
annegarmi tra ragazze e ragazzi, allegri indisciplinati curiosi attenti e affettuosi 
 Considero valore…
ritagliarmi un tempo anche per me, per far riemergere il ricordo di lei
 Considero valore…
i miei anni, la mia stessa vita, la libertà e l’autonomia, il dubbio che mi assale di fronte alle cose del mondo 
 Considero valore…
provare a trasformare in poesia la prosa quotidiana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...