Il tradimento del corpo

Abbandonare il corpo che mi ha tradito, lasciarlo perdere, trascurarlo è stata la prima tentazione, quando mi è stato ben chiaro il senso e la portata della diagnosi.

Perchè? – mi sono inutilmente chiesta, perchè? Non mi ha mai dato alcun fastidio, sono sempre stata abbastanza bene. Certo ho sofferto di mal di testa, ho avuto le classiche influenze stagionali, un po’ di lombalgia, tutte cose ordinarie. Ora invece si tratta di altro ed è dura!

Il mio corpo pretende ora attenzioni continue, non si fa trascurare, manda segnali che suonano come campanelli d’allarme ed io devo esser lì pronta a coglierli, a fare qualcosa. Non posso più dimenticarmi di nulla, la macchina (o almeno le sue parti sane) deve funzionare bene, altrimenti il peggio è per me!
Continuo a pensarci su, continuo a farmi domande che sono senza risposta, anche su questo nuovo tempo di vita…

Annunci

4 risposte a “Il tradimento del corpo

  1. …altrimenti il peggio è per me, no per noi. La vita ha i suoi vari tempi, alcuni sorridenti e allegri, altri tristi e cupi ma dalla finestra scorgi lo scorrere dell’acqua, il movimento della vita e tui sei dentro il movimento e mano nella mano di chi ti vuole bene torni a sorridere e a darti una risposta: vincerò anzi vinceremo!

    Mi piace

  2. scegli non solo le parole giuste per dirlo, ma anche le immagini. forse siamo nati per guardare quello che succede ed è questa curiosità che ci rende vitali. finché manteniamo questa curiosità di guardare oltre, avremo cura di pulire i vetri della nostra finestra, di aprirla quando fa caldo e di sbirciare oltre le tende quando sono chiuse. credo sia importante avere sempre questo desiderio, guardare cosa succede, comunque, magari in compagnia di chi ci vuole bene.

    Mi piace

  3. Anna A. Tomasicchio

    Ed io pensavo di non poterti contattare, di disturbarti, d’invadere spazi tormentati. Ora non so a quante e a quali “maglie” della rete devo agganciarmi. Ti apprezzo per il tuo coraggio e mi scuso se combinerò “pasticci” di comunicazione, l’emozione ti prende e tu lo sai bene. Ciao amica cara.

    Mi piace

    • Le vie della comunicazione e del dialogo sono tante, tutte diverse e questo è il bello delle relazioni tra persone che si vogliono bene, si stimano e non vogliono perdersi di vista!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...