Archivi del mese: gennaio 2016

Aprire una libreria, il sogno di Gabriella

insegna libreriaIl quotidiano di ieri mattina riportava la notizia di un nuovo corso di formazione per giovani librai della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri a Venezia. Leggevo l’articolo e pensavo a te, Gabriella. Quante volte ne hai parlato e ti sei informata dei loro corsi che avevi in mente di frequentare.

Perchè era questo il tuo sogno: aprire una tua libreria indipendente, stare in mezzo ai libri e avere il piacere non solo di conoscerli, ma di consigliarli.

Ti vedevi come una libraia appassionata e competente, aperta al futuro, ma senza dimenticare la bella atmosfera delle librerie di un tempo: un ambiente tranquillo e non troppo pieno di offerte, per non disorientare il cliente, un ambiente che favorisse il contatto umano e uno scambio tra libraio e lettore, che uscendo potesse sentire il desiderio di ritornare.

interno piccola libreria

 

Ricordi? Parlavamo delle vetrine, dei cataloghi (dei libri che non muoiono) e del mestiere del libraio, “fondamentale – dice Donato Carrisi, uno scrittore – perchè si prende la responsabilità e il rischio di consigliare al lettore una parte del mistero che avvolge ogni libro e su cui lo invita a investire il suo tempo.”

libri in bluGabriella era una vera lettrice, una lettrice forte che sognava di proporre ai suoi lettori-clienti i libri che amava e magari accettare da loro anche dei consigli di letture interessanti; criticavamo insieme le vetrine confuse di qualche libreria cittadina per l’accozzaglia di proposte disomogenee, libri messi lì a caso, alla rinfusa, un libro di cucina vicino ad un romanzo e a un libro di storia.
Ed io un giorno le raccontai le vetrine di alcune librerie parigine…

Mentre parlavamo tra noi di tutto questo, mi piaceva ascoltare le sue idee nuove per gli incontri in libreria; prendeva parte a molti di essi e mi diceva talvolta che erano stati noiosi, troppo seriosi e un po’ tristi, che gli interventi di alcuni presenti (spesso sempre gli stessi) erano un fiume di parole che metteva a tacere l’autore!
Come se la sua libreria esistesse già, si sforzava di pensare a nuovi modi per comunicare la bellezza o la profondità di un libro, l’interesse per la sua storia e per lo stile della scrittura.
comunità di lettoriPer formare una comunità di lettori, magari riuniti in rete da una mailing list (questa era una mia idea) a cui inviare periodicamente informazioni, suggerimenti, articoli e link interessanti.

Sapeva bene che il libraio oggi è un mestiere in continuo mutamento.
Ne parlava con me ammettendo di sentirsi inadeguata in campo tecnologico e voleva colmare questa carenza, tanto che aveva iniziato ad usare il Pc e a frequentare Facebook, anche perchè vedeva che molte realtà dialogano con i loro lettori per informarli delle iniziative attraverso i social network.

Era il suo progetto di vita, ma rimaneva con i piedi per terra, sapeva che se in Italia si legge poco, al Sud la situazione è a dir poco disastrosa e le sembrava una sfida troppo difficile da intraprendere da sola. Valutavamo le strade e i quartieri della nostra città, chiedendoci dove trovare il locale giusto per realizzare questo suo lungo sogno e in tanti momenti la vedevo scoraggiata.

chiusura libreria

 

Sai Gabriella, non avevi tutti i torti, poichè negli anni tante piccole librerie si sono chiuse, mentre avanza sia pur lentamente l’e-book e l’e-commerce.

Ma – e questo lo aggiungo io oggi che purtroppo lei non c’è più – i librai indipendenti più bravi ed appassionati al loro lavoro stanno esprimendo tutta la loro creatività per mantenere e possibilmente allargare il loro spazio e contrastare l’avanzata dei colossi mondiali.
Mi piace citare l’iniziativa recente di un gruppo di librerie indipendenti italiane che ha lanciato un nuovo hashtag, #altrocheamazon chiedendo di segnalare tutto ciò che i lettori possono trovare da loro (un sorriso, un consiglio, la competenza, gli incontri con gli autori…) e non nei negozi online, che cosa cioè le rende diverse e decisamente migliori.

Se tu fossi ancora qui, ti farei leggere ciò che ha raccontato Carrisi al termine del suo articolo: “Ho conosciuto a New York il libraio che tenne aperto il suo negozio nella sera dell’11 settembre. Era l’unico in quella notte orrenda, diffondeva musica di Mozart e dava caffè a chi lo volesse. Con quel gesto ha offerto un rifugio contro la paura e questo, in fondo, è quello che può accadere a chiunque quando apre un libro dopo una giornata triste, in cui magari è crollato un grattacielo personale”.

libreria

Annunci

Ri-trovare la forza (grazie ai blog che seguo)

la forza vignettaLo so, è solo una vignetta, ma guardandola pensavo: magari fosse vero! In realtà, io faccio i salti mortali per recuperare giorno dopo giorno un po’ di energia fisica e soprattutto emotiva (e spesso purtroppo non ci riesco).
Mi sveglio al mattino con le migliori intenzioni, do uno sguardo al nostro cielo meridionale, che è bello anche quando è grigio, faccio lentamente colazione (cosa che ho appena imparato… intendo la lentezza!), poi penso alla giornata tutta da vivere. E qui casca l’asino…

Iniziano infatti ad affacciarsi gli effetti collaterali della terapia in corso, diversa dalla chemioterapia; sto infatti provando (il termine è quello giusto) una terapia sperimentale immunoterapica (il Nivolumab) che in verità è meno pesante delle chemio e con meno effetti collaterali. D’accordo! Però un po’ di astenia già ti fa sentire meno pronta ad affrontare una passeggiata per esempio, oppure vieni travolta da una tosse fastidiosa e insistente che ti scuote tutta e ti provoca – a sua volta – un bel mal di testa. E l’umore cambia, fuori c’è il sole ma io mi sento grigia dentro.

Continuo imperterrita a segnare sulla mia agenda, oltre ai farmaci, le visite, le tearapie periodiche e i prelievi, gli incontri culturali previsti in quella giornata, incontri a cui prima facevo di tutto per partecipare e ci riuscivo, correndo e scappando di qua e di là. Oggi invece quasi sempre mi tocca rinunciare e la frustrazione accumulata è tanta.

Però tutti, quando m’incontrano, mi dicono che sto bene: infatti è così, se sto bene esco, ma se sto male rimango nel nido in cui mi sento protetta e dove solo poche persone possono vedermi. Trascorro il tempo cercando belle immagini o testi poetici su Pinterest (dove c’è di tutto, intendiamoci), ma io mi sono creata molte bacheche secondo i miei gusti e in questo modo la mente si distrae, si allontana da me… e si arricchisce di bellezza. Si tratta solo di una delle strategie che mi aiutano a trascorrere bene il mio tempo, a non pensare troppo, ci sono anche la musica e la lettura (anche se in alcune fasi della vita non riesco a seguire il filo conduttore del libro) e ci sono anche i blog che seguo o che trovo inaspettatamente. Domenica scorsa infatti ho letto cose meravigliose su un blog scoperto per caso e mi sono sentita benissimo (nonostante la tosse e dintorni). Sono numerosi i blog che mi danno forza e mi aiutano con i loro post e non sapranno mai quanto solo loro grata!