Archivi del mese: agosto 2016

Mediamente in Italia, un terremoto ogni 5 anni…

… e il 70% delle costruzioni non rispetta le norme antisismiche. Siamo il Paese d’Europa che trema di piú, ma si continua come se niente fosse, a parte le eccezioni. In Friuli infatti hanno dimostrato saggiamente che un terremoto puó anche servire non solo per ricostruire, ma per mettere in sicurezza gli edifici pubblici e privati. Come anche a Norcia, una cittadina dove la terra che ha tremato mercoledí notte, 24 agosto, non ha provocato né morti, né feriti gravi tra le 20.000 persone presenti.

E invece mi capita di pensare per esempio alle scuole, quegli edifici dove ho insegnato per 40 anni. Scuole che si trovavano nei prefabbricati o nei condomini… La metà di esse – in tutta Italia, non solo al Sud – non è a norma, ma crollano anche quelle costruite recentemente. Di fronte a questa mancanza generalizzata di consapevolezza e di senso civico (dalle istituzioni ai cittadini), io resto quasi senza piú parole e continuo a chiedermi: possibile che dobbiamo continuare a far finta di niente, a piangere ciclicamente migliaia di morti, ad assistere impotenti alla distruzione totale di paesi interi, alla perdita di tutto per i tanti sopravvissuti che rimangono senza casa, senza lavoro, senza uno straccio di ricordo tangibile della loro vita e quindi totalmente disorientati?

Ogni volta che un terremoto colpisce una zona d’Italia, il mio pensiero va immediatamente a tante persone in difficoltà, ai numerosi anziani che non hanno la possibilità di potersi muovere (mi vengono in mente i miei genitori nei loro ultimi anni di vita), a tante persone con disabilità che perdono anche quegli ausili che li rendono un po’ piú autonomi e ai bambini (troppi davvero!).

Ma provo anche tanta rabbia di fronte al fiume in piena di dirette televisive e di parole, quante parole! E poi le presenze in prima fila ai funerali (e so che non potrebbe essere diversamente), e alle promesse elargite a piene mani, le promesse e le rassicurazioni dei primi giorni. E poi… E poi, il silenzio dei media, il silenzio della politica e della società nel suo insieme che torna sl suo quotidiano orticello, dimentica troppo presto ció che è successo e digerisce tutto. Perché la manutenzione ordinaria e straordinaria del nostro territorio non fa notizia, non attira telecamere, non fa audience, non si tagliano nastri!

Ma non c’è bisogno di un terremoto per fare un discorso serio sulla prevenzione che non si fa, quella che riguarda anche altri settori della nostra vita di cittadini, come le ferrovie (stiamo giá dimenticando lo scontro tra due treni sulla linea Andria-Corato in Puglia?), la sicurezza sulle strade (dove le vittime sono sempre di piú i giovani) e – dulcis in fundo – la salute: lo Stato italiano, il “nostro” Stato,  continua ad avere il monopolio dei tabacchi, ma si preoccupa (sigh! 😰) di farci sapere sui pacchetti di sigarette che “il fumo uccide!”

Annunci

Oggi, una bella mattinata di terapia

Generalmente arrivo la mattina della mia terapia all’Istituto Oncologico quasi sempre con uno stato d’animo sospeso, perché non so mai bene come andrà, con quali persone mi troverò a condividere questi momenti di vita piuttosto delicati: infatti a volte ci si guarda e si rimane tutti in religioso silenzio, in compagnia dei propri pensieri o di una lettura, mentre in altri giorni c’è qualcuno/a che inizia a parlare, ma… non sempre è piacevole ascoltare ciò che dice.

Stamattina mi sentivo bene e sono arrivata in ospedale con uno spirito positivo, che non mi ha abbandonata (come spesso mi succede) nemmeno di fronte a persone che stavano visibilmente male. Poi dopo un po’ di attesa, mi hanno chiamata e mi sono sistemata sulla mia poltrona, dopo aver salutato tutte le donne presenti con un sorriso.

Lentamente, non so ad opera di chi, è partita una conversazione, ma io sono rimasta inizialmente in silenzio per capire quale piega stava prendendo il fiume di parole che da un lato all’altro della stanza s’incrociavano e si moltiplicavano.
Nell’aria però sentivo parole di coraggio, di forza e di speranza, qualche semplice consiglio che qualcuna delle pazienti stava dando ad una giovane mamma che si/ci chiedeva come si fa a non piangere davanti ai propri figli…

È stato allora che ho guardato il viso di ognuna di loro, persone molto diverse per età, abbigliamento e per atteggiamento, ma in ognuna di loro ho visto la bellezza di tutte noi! Noi che, pur toccate da un tumore, eravamo lì a curarci, con la consapevolezza di ciò che stavamo facendo e con un pensiero, esplicito e detto a voce chiara, a chi non ce l’ha fatta, a chi ha iniziato le cure e ha dovuto interromperle, a tutte quelle persone che non hanno fatto nemmeno in tempo a capire il terremoto che le avrebbe annientate. Io pensavo ovviamente anche a Gabriella, mia sorella, che non ha retto a una randellata così forte…

sala infusione
Ciononostante, è stata bella una mattinata di terapia, sembravamo un gruppo di auto-aiuto senza una leader, ma tutte tacitamente d’accordo ad esprimere con onestà i nostri vissuti e a dare forza con le parole e gli sguardi a questa giovane mamma che ci ascoltava, ci sorrideva e sembrava liberarsi delle sue paure: ascoltava me che da cinque anni mi curo con tutti gli alti e bassi, me che come le altre sono passata dalla terribile esperienza di veder cadere tutti i capelli con la gioia poi di vederli ricrescere più forti di prima, ascoltava un’altra occasionale compagna d’avventura che le raccontava del tatuaggio perfetto (praticamente invisibile) delle sue sopracciglia e di un’altra che le confessava l’emozione di aspettare un nipotino da sua figlia e questo le dava una forza immensa…

L’infermiera, giovanissima e brava, ci ascoltava continuando a fare il suo lavoro senza distrarsi e ogni tanto ci regalava uno sguardo, un cenno di assenso o un sorriso. Ammalarsi di cancro ti sconvolge la vita, ma può regalare momenti indimenticabili di gioia e di solidarietà non esibita, ti fa scoprire l’essenza delle persone che incontri e ti aiuta a capire veramente chi sei e quanto sei fortunata se non sei sola in questa sfida spesso impari!

Le parole colorate di Frida!

frida

Una vita segnata dal dolore, dalla passione e dall’amore.

Dal dolore per la poliomielite fin da piccola e per un incidente stradale a 18 anni che la rende parzialmente invalida.
Dalla passione giovanile per Alejandro Gomez Arias al lacerante rapporto con Diego Rivera, il grande artista a cui dedicò tante lettere e una poesia struggente, fino ad altri amori e amicizie, vissuti sempre con disperata tenerezza.
Dall’amore tenace e visionario per la pittura e per la politica.

Sofferenza e gioia di vivere, vita e arte, tragedie e sogni si mescolano continuamente, soprattutto nelle sue “Lettere appassionate” (Cartas apasionadas), raccolte per la prima volta organicamente da Abscondita, un autoritratto vero e autentico come quelli in cui “Frida si dipingeva sulla carrozzella accanto al cavalletto, mentre intingeva il pennello non nella tavolozza, ma nel suo cuore”.
Le leggo di tanto in tanto, perché mi piacciono (attraverso anch’io momento di gioia intensa e di dolore e sofferenza) e poi… mi fanno compagnia sulla mia scrivania.

Sono il dono di una cara e dolcissima amica, una donna un po’ speciale, che mi ha regalato questo bel libro nel dicembre 2015 con una dedica affettuosa che mi piace rileggere spesso:
“… le parole colorate di Frida per dire la luce, l’ombra, il dolore, la terra, l’amore… la vita”.

kahlo_14