La nostra esistenza, un viaggio che non sappiamo mai dove ci porti

Uncertain Journey di Chiharu Shiota

Uncertain Journey di Chiharu Shiota

Penso che capiti un po’ a tutti noi di sfogliare dei giornali e di rimanere colpiti da una frase o da un’immagine; a me è successo oggi, riprendendo un vecchio numero de L’Espresso (23 ottobre 2016).

Forse perché anch’io sento sempre la mia esistenza in bilico, forse perché un mio familiare sta lottando per la vita, quelle gracili barche in ferro nero mi hanno immediatamente fatto pensare al viaggio della vita e alla sua incertezza.

Chiharu Shiota, l’artista giapponese che ha creato questa installazione, esposta nel novembre dello scorso anno alla Galleria Blain/Southern di Berlino,  spiega infatti che secondo lui “la nostra vita è come un viaggio senza meta. Anche se non sappiamo dove stiamo andando, non possiamo fermarci”.

La trama dei fili rosso sangue della Penelope di Osaka, Chiharu Shiota

La trama dei fili rosso sangue della Penelope di Osaka, Chiharu Shiota

Ben 250 kg di lana rosso fuoco, pazientemente annodata per formare un cielo alto fino a sette metri e mezzo di ricami rossi. “La trama dei fili e le loro reti, ci spiega, simboleggiano l’interno del corpo umano, le connessioni neuronali nel cervello, come una rete vasta e complessa”.

Un viaggio nella nostra esistenza incerta, ma meravigliosa

Un viaggio nella nostra esistenza incerta, ma meravigliosa

Ma poi aggiunge – e questo è ciò che mi ha colpito ancora di più – questi fili intrecciati “rappresentano e riproducono le memorie e le relazioni tra le persone, i loro rapporti umani, quelli che ci tengono a galla, con le barche che ci portano in un viaggio verso il nulla, un viaggio pieno di incertezza ma anche di meraviglia”.

E allora ho ripensato a Dacia Maraini che il giorno del suo ottantesimo compleanno ha detto che la geografia della sua vita è fatta di amicizie. “Non credo ai legami di sangue, che spesso non significano nulla. L’amicizia è un sentimento grande, che prevede stima, fiducia assoluta. Tanto più quando si va avanti con gli anni”.
Quegli anni che non sempre corrispondono alla nostra carta d’identità!

Scorcio dell'installazione

Scorcio dell’installazione “Uncertain Journey” di Chiharu Shiota a Berlino, novembre 2016

Annunci

11 risposte a “La nostra esistenza, un viaggio che non sappiamo mai dove ci porti

  1. Che belle parole… grazie 🙂

    Liked by 1 persona

  2. angela garofalo

    “… Nell’amicizia ogni pensiero, ogni desiderio, ogni attesa
    nasce in silenzio e viene condiviso con inesprimibile gioia…” Kahlil Gibran
    Quanto è vero !

    Liked by 1 persona

  3. Certo possiamo spendere positivamente fiumi di parole per raccontare l’intreccio che gradualmente porta due persone a relazionarsi e a scoprire il profondo significato dell’amicizia… ma a me quel meraviglioso intreccio del lungo filo rosso mi hanno fatto pensare come te “al viaggio della vita e alla sua incertezza”. È difficile trovare in quell’intreccio l’inizio del filo e la sua fine e il suo aggancio alla barca mi fa pensare al traghettare della vita dal suo nascere alla sua morte in una continuità di relazioni dove alcune di esse si incastrano nello sviluppo del nostro essere.

    Liked by 1 persona

    • Infatti è proprio la trama che m’intriga, il non vedere l’inizio e il termine di quell’intreccio agganciato alle barche, fragili ma forti nello stesso tempo. Un’opera che t’incanta e che crea stupore!

      Mi piace

  4. mi affascina questa rappresentazione de “il filo rosso che ci unisce” (cit.), le sue interconnessioni imperscrutabili sono il segreto della vita.
    ml

    Liked by 1 persona

  5. Pingback: SABATOBLOGGER 52. – I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

  6. Splendida. Un’installazione straordinaria.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...