Archivi tag: politica italiana

E il naufragar m’è dolce… (?)

Se il grande Giacomo Leopardi fosse un nostro contemporaneo, forse correggerebbe lo splendido verso de L’infinito, anche se il suo era il mare di verde che poteva abbracciare con il suo sguardo.

Questo verbo non mi abbandona da giorni e giorni; infatti non faccio altro che pensare al braccio di ferro crudele e cinico tra i muscolosi protagonisti di questa Europa pavida e chiusa in se stessa: non concedere il permesso di attraccare in un porto italiano o europeo a un pugno di naufraghi, in attesa nelle acque territoriali della minuscola isola di Malta.

Fa freddo dovunque e noi cerchiamo per noi stessi un riparo, un po’ di calore e qualche comodità che ci faciliti la vita. Ma ciò non vale per questo gruppo di persone, tra cui dei bambini. Forse perché non sto bene nemmeno io e non ho possibilità di distrarmi, ma sto toccando con mano che come persona e cittadina italiana ed europea, nata al posto giusto al momento giusto, io non conto nulla, non posso far nulla se non indignarmi, provare una gran rabbia e descrivere questo mio stato d’animo su questo blog.

Ho letto dello scatto di umanità e senso di responsabilità di alcuni sindaci, quello di Palermo in primis, e spero che si muova presto qualche giudice: assistiamo ogni giorno allo strapotere delle varie mafie, mentre si punta il dito accusatore contro il sindaco di Riace, si finge di chiudere i porti per impedire a poche decine di persone stremate di scendere dalla nave e toccare la terraferma, tra selfie e dichiarazioni sui social, terreno fertile per la propaganda politica, in vista delle prossime elezioni europee e soprattutto con un occhio alle percentuali di votanti-follower.

Non ho conclusioni da tirare, oggi questo spazio virtuale mi permette soltanto di esprimere ciò che sento e provo, in compagnia di idee minoritarie, condivise da pochi gruppi di persone. A quanto sembra…

“Scusate il mio e il vostro fallimento”

La vignetta tragica di Mauro Biani non fa che rigirare dentro di me la lama di un coltello che mi fa male dentro, nelle profondità più vicine al mio essere.
Amadou Jawo, un ragazzo di soli 22 anni, africano del Gambia, si è impiccato al cornicione della casa in cui abitava a Castellaneta marina, nella mia Puglia.
Tutte le morti mi toccano, anche quelle nascoste dietro i grandi numeri, io vedo uomini donne e bambini, ragazzi giovani e vecchi, dietro ogni numero… c’è una persona con la sua storia e il suo mondo, le speranze e le delusioni, le difficoltà generate da ciò che si desidera e ciò che si è costretti a fare, c’è la sua famiglia e le relazioni sociali, ci sono le sue aspettative. Come il desiderio che coltivava anche Amadou di voler tornare in Africa, come dicono, ma chissà se invece forse voleva restare ancora qui da noi, visto che aveva fatto ricorso dopo la negazione dell’asilo politico, la protezione internazionale che aveva richiesto.

Però all’udienza del 12 ottobre scorso, lui non è stato invitato a parlare o ad assistervi, non contava nulla, era una pratica da concludere. Amadou non era ancora un “irregolare” quindi, tra l’altro da due anni in Italia aveva lavorato nei campi e avrebbe forse potuto – se il vento non fosse nel frattempo mutato in questa Italia “del cambiamento” – avere un permesso di soggiorno umanitario.

E mentre a Roma si discute al Senato il “decreto sicurezza”, che si propone un giro di vite contro i migranti (stanno chiudendo in silenzio uno dopo l’altro in provincia di Bari gli SPRAR, dove sono in atto microprogetti di integrazione diffusa, più facile da attuare che nei CARA delle periferie urbane), Amadou si vede confinato in un limbo, sa che tornerà da sconfitto nel suo Paese di origine, lui sarà quello che non ce l’ha fatta, è comprensibile che lo abbiano visto “depresso”.

Se provassimo realmente a metterci nei panni degli altri, capiremmo molto di più degli sconvolgimenti interiori che devastano l’animo umano, il dolore muto che non trova sbocchi, invisibile agli occhi di chi brandisce le sue certezze come clava da roteare contro altri esseri umani. La morte di questo ragazzo, a pochi chilometri dalla mia città, mi fa sentire tutta la mia impotenza e inutilità, mette in discussione il mio posto in questo mondo, mi provoca un senso di fallimento che è difficile contenere e gestire, soprattutto se poi devi startene buona a casa, perché non stai bene e non puoi muoverti, uscire, parlare con altri, manifestare il tuo dissenso.

Sono giornate complicate per me, in cui continuo a voler seguire tutto ciò che scorre sugli schermi del mio cellulare, del tablet o della Tv: accadono cose che non pensavo fossero più possibili, fatti che mi sollecitano, m’interrogano, m’indignano e mi fanno stare ancora più male. Capisco che forse sono ipersensibile, ma solo quando tocchi fino in fondo la tua fragilità forse riesci a provare un maggior senso di empatia e di vicinanza con chi soffre, sia pure per motivi e condizioni diverse dalle tue.

Sto pensando al modo in cui in una scuola primaria di Lodi si è attuata una discriminazione inaccettabile tra i bambini italiani e i figli di famiglie extracomunitarie, residenti da anni in città e regolarmente registrate. Bambini che vengono crudelmente separati nel momento in cui dopo le ore di scuola trascorse insieme si va a mensa, ci si siede a mangiare e a chiacchierare liberamente.

Ho insegnato a lungo e so quel che si prova come insegnante se arrivano disposizioni che non condividi, perché toccano la tua coscienza, i tuoi ideali di vita, ciò che ogni giorno trasmetti con passione, il tuo modo di stare al mondo: trovarsi di fronte bambini tristi e increduli, che non capiscono per quale motivo non possono stare con i loro compagni, è dolorosissimo, non ci sono parole giuste per spiegare davanti ai loro occhi, che sanno cogliere ogni tratto nascosto delle tue espressioni, ciò che sta succedendo.

Mi conforta l’ondata spontanea di solidarietà, ma io desidero che le istituzioni non cadano in mano a chi aumenta l’abisso delle disuguaglianze già esistenti, in mano a chi si nasconde dietro provvedimenti “amministrativi” che solo apparentemente proclamano che “tutti dobbiamo rispettare le regole”. In Italia, poi, dove la corruzione è diffusa e regnano sovrane l’alegalità e l’illegalità delle mafie.
Sono d’accordo sulle regole da rispettare, ma vietare per esempio la dimora ad un sindaco come Mimmo Lucano nella sua Riace equiparandolo ad un boss della potente ‘ndrangheta calabrese, non mi sembra un provvedimento neutro.
Come  a chilometri di distanza (l’Italia è lunga) chiedere a una famiglia che è arrivata in Italia dopo lo tsunami e che paga regolarmente le tasse di produrre un fantomatico documento che certifichi di non possedere beni immobili al suo Paese, mi sembra solo ed esclusivamente una deliberata scelta politica.
Perché chi è benestante non fugge dalla sua condizione, non abbandona tutto per l’ignoto.

Come si fa a restare umani?

#RestiamoUmani: le migrazioni, un fenomeno sempre più complesso nell’era della globalizzazione


Apriamo i Porti italiani:
questo l’appello lanciato ieri da un’associazione studentesca di Bari, Zona Franka, per una manifestazione a cui ho partecipato con convinzione.
Contro la decisione brutale del ministro dell’Interno, in accordo con quello ai Trasporti, di bloccare una nave con 629 persone a bordo, migranti che erano stati soccorsi in sei diverse operazioni, tra cui una particolarmente complessa, con un gommone che si è rovesciato facendo cadere in mare le 40 persone che lo stipavano. Tra questi 629, ben 123 sono minorenni non accompagnati, 11 sono i bambini e 7 le donne in stato di gravidanza. Per fortuna sulla nave è presente il personale di Medici senza frontiere e in seguito sono state inviate dall’Italia altre navi con scorte di viveri e di materiale per la sopravvivenza di persone, che si sono riparate dal sole, che batteva sulla loro pelle arsa dalla salsedine, sotto dei teli di fortuna, come si vede benissimo nei servizi che Sky TG24 ha mandato continuamente in onda dai suoi elicotteri.

Ci sono tanti e tanti modi per affrontare un fenomeno complesso come questo: secondo me, questa cinica prova muscolare paga elettoralmente ma non contribuisce a risolvere la questione; Salvini infatti ha usato 629 naufraghi come ostaggi per negoziare con l’Europa sull’immigrazione.

Se oggi potessi recuperare alla mia memoria tutte le lezioni sulla migrazione dei popoli nella storia del mondo, lo farei volentieri: da sempre infatti l’umanità si è spostata in cerca di migliori condizioni di vita per sé e per i propri cari; dai tempi più remoti le guerre hanno prodotto distruzioni, vittime e un gran numero di profughi, costretti ad abbandonare tutto pur di salvare almeno la loro vita, per non parlare dei morsi della fame, quella vera che forse molti di noi non hanno mai provato, che spinge le comunità a cercare altri luoghi in cui vivere senza l’incubo continuo di non avere nemmeno quel minimo di sostentamento per il giorno dopo. Anche i disastri ambientali flagellano soprattutto le fasce più povere di una popolazione, quelle che vivono sotto un tetto precario e fragile e non hanno nemmeno la possibilità di andare lontano dai luoghi della catastrofe.

In Italia siamo da anni alle prese con il fenomeno dei flussi migratori, sempre visti e affrontati come se ogni volta fossero un’emergenza.
Oggi più che mai siamo un popolo nettamente diviso non solo sulla visione del nostro futuro e sulla soluzione da dare ai diversi problemi da cui siamo afflitti, ma anche se e come organizzare seriamente la prima e la seconda accoglienza. Vedo classi politiche che si alternano al governo senza riuscire a trovare una strategia condivisa da percorrere senza tentennamenti (e senza fare infantili prove di forza sulla pelle delle persone) per affrontare questo fenomeno sempre più complesso, che interroga il nostro modo di vivere (sprechi compresi…) e di vedere il mondo.

Anni fa, quando ero più giovane, sognavo e credevo possibile un’Europa realmente unita, e non solo sotto bandiere economiche, ma come un insieme di Stati che sapessero responsabilmente trovare convergenze ideali e concrete su vari terreni di fronte alle sfide dei colossi mondiali, penso alla Cina ma anche alla potenza della finanza internazionale, capace di spostare in un baleno i suoi capitali, mettendo in ginocchio intere comunità. E invece la politica degli stati europei viene posta al di sopra delle vite delle persone: capitali e merci viaggiano senza confini, si delocalizzano imprese da un giorno all’altro mettendo sul lastrico migliaia di persone, mentre si innalzano muri che bloccano solo i più disperati, quelli che rischiano la loro vita in mare (o in montagna) pur di approdare in un posto sicuro per rifarsi una vita.

Vedere un ministro dell’Interno che costringe la nave Acquarius a fermarsi in mare aperto, in attesa di sapere dove poter attraccare, mi ha provocato un senso di profondo disagio, disorientamento e indignazione: è vero che l’Italia ha fatto sforzi enormi ed è stata costretta per anni – insieme alla povera Grecia – a far fronte in modo solitario all’ondata di persone, arrivate con tutti i mezzi possibili sulle nostre coste, dopo aver peregrinato nel deserto o essere stati rinchiusi in campi di detenzione e aver pagato cifre enormi ai trafficanti di “merce” umana; capisco la rabbia delle fasce più deboli della nostra popolazione, quella che arranca ogni giorno ed è indotta a credere che il “nemico” sia il migrante che viene qui da noi a “togliere lavoro”.

Ma non riesco ad accettare che chi sa e può continui a fingere di credere a questa versione di comodo dei fatti: in Italia per fortuna molti giovani oggi non vogliono (e non resisterebbero nemmeno a) lavorare ore e ore nei campi del sud, chini sotto il sole, a raccogliere e a trasportare pesanti cassoni di pomodori, per una paga da fame, che fa comodo e arricchisce i caporali e i proprietari di queste coltivazioni: non è un caso che la patria di Giuseppe Di Vittorio sia stata la piana di Cerignola, un paesone della provincia di Foggia.

Molti dei miei ex-alunni, dopo aver tentato di tutto per trovare un lavoro, piuttosto che adattarsi a condizioni degradanti e ad essere mal pagati (tra l’altro dopo aver studiato un bel numero di anni), hanno preferito prendere un trolley (non più una valigia di cartone, come i nostri migranti di un tempo) e andare lontano dalla famiglia e dal loro ambiente di vita per trovare non soltanto un’occupazione, ma anche un posto dignitoso nella società attuale: oggi vivono fuori, sparsi per l’Italia, l’Europa e qualcuno oltre oceano, si sono integrati spesso faticosamente e tornano per le vacanze nei luoghi di origine.

Continuerò a riflettere come ho sempre fatto, ma ciò che non mi piace è vedere riproposta nell’Italia (e nell’Europa) del 2018 l’antica e deleteria divisione in fazioni, come ai tempi dei Guelfi e dei Ghibellini, non mi piace vedere tanti cittadini accontentarsi degli slogan semplicistici di fronte alle difficoltà che abbiamo davanti, non sopporto gli insulti e le ridicolizzazioni che si mettono in campo per evitare ragionamenti anche dialettici, ma civili.

Chi parla di “invasione” non sa (o finge di non sapere?) che in Europa su 500 milioni di abitanti il 93% è autoctono e solo il 7% immigrato; purtroppo proprio la nostrana legge Bossi-Fini produce essa stessa clandestinità e i media si prestano facilmente a diventare strumenti di propaganda di una fazione o dell’altra: non dimentico che la scorsa estate fu diffusa la paura dell’immigrato-stupratore per connetterla a quella dell’invasione…
Penso che sia ora che la complessità venga finalmente affrontata: non solo per quanto riguarda l’immigrazione, ma anche tante altre problematiche importanti: dalla presenza pervasiva del fenomeno mafioso e criminale fino al debito pubblico, dalla sburocratizzazione delle procedure fino alle innovazioni necessarie per rendere più competitivi tanti settori dell’economia italiana e poter dare maggiore serenità a tanti che vivono in una precarietà permanente. Non certo a causa degli immigrati, che se regolarizzati contribuiscono all’economia italiana e anche a pagare parte delle nostre pensioni.

#RestiamoUmani

In attesa di un governo che governi…

Lancio una domanda in aria, nell’universo ristretto della nostra piccola Italia: le consultazioni politiche che ogni giorno, o quasi, vediamo attraverso gli schermi televisivi, le processioni dei leader e dei loro accompagnatori, le facce e le smorfie, i giornalisti che non sanno più a che santo votarsi per confezionare uno straccio di notizia e un servizio degno di questo nome, sono uno spettacolo comico o tragico? È una commedia a beneficio di noi cittadini o una tragedia per chi attende risposte al malessere della sua vita quotidiana e alle difficoltà che si accumulano senza una via di uscita?

Sto provando di tanto in tanto a sorbirmi questa visione, vecchia e stantia, sempre la stessa, ad ascoltare i noiosissimi comunicati preconfezionati, scritti in politichese stando attenti alle virgole e ai punti e virgola, osservo disincantata le uscite da quella porta (quella del presidente della repubblica) e penso che mi piacerebbe avere una sfera di cristallo per leggere il nostro prossimo futuro. Purtroppo così non è e quindi anch’io come tutti aspetto di capire in che modo e tra chi avverranno le alleanze (che qualcuno chiama “contratto”), su quali punti riusciranno a conciliare le opposte visioni o se getteranno la spugna per arrivare a una “soluzione istituzionale” (la chiamano così) che trovi spazio per tutte le formazioni politiche di ogni colore e portarci non so dove…

Sapevamo tutti che la legge elettorale avrebbe prodotto questo risultato, purtuttavia è stata confezionata e approvata ed ora eccoci tutti qui a vedere come si riuscirà a districare la matassa. M sorge infatti una seconda domanda: come riusciranno a rispondere al desiderio di cambiamento espresso dalla maggioranza dell’elettorato?

Io sono abbastanza in là con gli anni per sperare in un cambiamento reale, non ci credo molto infatti, anche perché penso che siamo noi cittadini (soprattutto i più giovani) che dovremmo forse fare un salto di qualità, iniziando per esempio a leggere di più, a rispettare maggiormente le regole e i beni comuni, a non credere alle promesse mirabolanti dei pifferai di turno, ad avere spirito di iniziativa e a rimboccarci le maniche nelle situazioni che richiedono la nostra collaborazione (compresi tanti genitori verso gli insegnanti dei loro figli), a votare con maggiore lucidità (nonostante le leggi elettorali pasticciate e dichiarate incostituzionali, ma ovviamente ad elezioni già avvenute), ad esprimere e a premiare (non soltanto in politica ma nei diversi settori della vita) i talenti che invece ostacoliamo e facciamo fuggire oltreconfine. Spesso per sempre!

Perché l’Italia, dal sud fino al nord, sia pure a macchia di leopardo, continua a privilegiare i figli di papà, le cordate e le lobbies che hanno in mano settori-chiave dell’economia, della finanza, delle infrastrutture e dei servizi, le mafie camuffate e mascherate che si infiltrano nei gangli vitali dell’organismo pubblico e privato, inquinandolo a danno degli onesti e di chi – obtorto collo – paga le tasse allo Stato, fino all’ultimo centesimo.

Forse oggi sono particolarmente pessimista e vedo il bicchiere mezzo vuoto, anche se so che milioni di persone sono ogni giorno impegnate a svolgere bene il loro dovere, a dare una mano nei diversi settori del volontariato e a far marciare l’Italia, facendo sacrifici per sé e per i loro figli e nipoti, ma non riesco ad avere molta fiducia nei leader della politica nostrana ed europea (tralascio il resto del mondo che non sta meglio di noi, almeno in questo periodo…) e in coloro che guidano i settori più delicati del funzionamento della macchina statale. Attendo con ansia, ma non ne sono poi tanto sicura, la formazione di un governo che governi, anche se paradossalmente in alcuni Stati proprio la mancanza di un governo si è trasformata in un beneficio per tutti!

Le “Dolorose considerazioni del cuore” e “il coraggio della verità”

Mentre poco fa entravo nella mia stanza studio, sono stata colpita dal titolo di un libro di Sandra Petrignani, che mi sono proposta di leggere: Dolorose considerazioni del cuore, che delinea l’ “autobiografia di una donna borderline”.

libro
Ma il titolo ha richiamato alla mente ben altro argomento, mi ha riportata a ciò che sta succedendo in questi giorni, sintetizzando perfettamente i miei pensieri e gli stati d’animo, rispetto allo sbandierato accordo Italia-Libia:
“Fredde osservazioni della mente e dolorose considerazioni del cuore”
(E. Ginzburg, Viaggio nella vertigine).

Infatti, dopo la chiusura della rotta balcanica, è la Libia uno dei punti principali da cui partono i migranti, da qui l’idea di chiudere la rotta nel Mediterraneo Centrale. Per questo Gentiloni, capo del nostro governo, ha firmato a Roma il 2 febbraio un’intesa con il premier di Tripoli Fayez al-Sarraj, con i complimenti e i sorrisi soddisfatti dei 28 partners dell’UE, riuniti il giorno dopo a Malta.

Libia e Tunisia: migliaia di persone in fuga - da Sky TG24

Libia e Tunisia: migliaia di persone in fuga – da Sky TG24

Solo qualche numero: il mare nostrum è stato attraversato nel 2016 da 181.436 migranti, ma ne ha inghiottiti altri 4.576, che hanno perso la vita insieme alla loro speranza di futuro. Numeri da brivido, perché stiamo parlando di persone, di uomini, donne e bambini!

Farah, 10 anni, al campo di Zaatari, in Giordania - da Oxfamitalia.org

Farah, 10 anni, al campo di Zaatari, in Giordania – da Oxfamitalia.org

Mi ha dato molto fastidio il tono trionfalistico con cui Gentiloni ha esaltato il suo accordo con Fayez al-Sarraj, che in realtà controlla soltanto una parte del suo Paese e ha quindi ben poca autorità per renderlo efficace.

La chiusura della frontiera meridionale libica significa bloccare tutte le persone provenienti dai paesi dell’Africa sub-sahariana, che già ora (si calcola siano circa 260.000, se non 300.000) sono arrestate e tenute in detenzione senza processo legale, senza alcun modo per opporsi o fare ricorso, e senza contatto con il mondo esterno.
Sono le accuse di chi come Arjan Hehenkamp, uno dei direttori generali di Medici senza Frontiere (Msf), ha visto con i propri occhi queste situazioni disumane e denuncia che «i detenuti sono sottoposti spesso a violenze, stupri e ricatti. Mi hanno pregato – continua – di contattare le loro famiglie per far sapere che erano ancora vivi. Non avevano idea di quale sarebbe stato il loro destino, sebbene fossero già imprigionati da mesi ormai».

Bimba in fuga - da tgcom24.mediaset.it

Bimba in fuga – da tgcom24.mediaset.it

Proprio l’Unhcr, l’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati, e l’Oim, l’Organizzazione internazionale delle Migrazioni (organismi che pure dovrebbero essere coinvolti nella gestione del piano di accoglienza dei rifugiati in Libia, nelle intenzioni del governo italiano) ritengono che «nella situazione attuale, la Libia non possa essere considerato un paese terzo sicuro, né si possano avviare procedure extra-territoriali per l’esame delle domande di asilo in nord Africa».

In Ungheria rifugiati trattati come bestie... Da "Left"

In Ungheria rifugiati trattati come bestie…
Da “Left”

Io penso che non solo l’accordo non funzionerà, ma che ben altra strada doveva essere perseguita dall’Italia come dall’Europa: quella di aprire canali umanitari legali e sicuri per le persone in fuga, sottraendole ai trafficanti di “merce” umana e indebolendo nel contempo le reti criminali.

Si scelgono invece le strade più facili, per motivi prettamente politici, cioè per indebolire le forze populiste che dilagano in Europa, senza avere la lungimiranza di costruire un progetto comune e senza il coraggio di una donna come Emma Bonino, ex ministra degli Esteri, che dice “basta alle bufale” che parlano sempre e solo di emergenza, da anni e anni!
Una donna nuovamente in campo per superare una legge vecchia di 15 anni, la Bossi-Fini, e per smontare “un racconto falso che non sta in piedi, perché – afferma – se non ci fossero i migranti, se non arrivassero, tra qualche tempo dovremmo andare a prenderceli noi. Abbiamo “bisogno” di 160.000 persone all’anno per dieci anni. Siamo un continente ricco e vecchio. E loro ci servono, banalmente. Occorre solo organizzarsi” e lavorare seriamente per l’integrazione. Soprattutto io credo che occorra parlare con le persone, per riuscire a smontare la marea di stereotipi e pregiudizi: è un’invasione, ci rubano il lavoro, non possiamo accoglierli tutti, ecc.

left

Sul numero 4 di Left di quest’anno Emma Bonino, sempre molto informata sui numeri e sui fatti, spiega bene il suo ragionamento e com’è nata la proposta di una legge di iniziativa popolare, frutto di lunghe consultazioni con i sindaci di tantissime città d’Italia e con chi lavora su questo terreno da tempo. Una donna con “il coraggio della verità” e che con le sue azioni politiche è riuscita a far fare molti passi avanti a questa Italietta, piccola piccola…

Mediamente in Italia, un terremoto ogni 5 anni…

… e il 70% delle costruzioni non rispetta le norme antisismiche. Siamo il Paese d’Europa che trema di piú, ma si continua come se niente fosse, a parte le eccezioni. In Friuli infatti hanno dimostrato saggiamente che un terremoto puó anche servire non solo per ricostruire, ma per mettere in sicurezza gli edifici pubblici e privati. Come anche a Norcia, una cittadina dove la terra che ha tremato mercoledí notte, 24 agosto, non ha provocato né morti, né feriti gravi tra le 20.000 persone presenti.

E invece mi capita di pensare per esempio alle scuole, quegli edifici dove ho insegnato per 40 anni. Scuole che si trovavano nei prefabbricati o nei condomini… La metà di esse – in tutta Italia, non solo al Sud – non è a norma, ma crollano anche quelle costruite recentemente. Di fronte a questa mancanza generalizzata di consapevolezza e di senso civico (dalle istituzioni ai cittadini), io resto quasi senza piú parole e continuo a chiedermi: possibile che dobbiamo continuare a far finta di niente, a piangere ciclicamente migliaia di morti, ad assistere impotenti alla distruzione totale di paesi interi, alla perdita di tutto per i tanti sopravvissuti che rimangono senza casa, senza lavoro, senza uno straccio di ricordo tangibile della loro vita e quindi totalmente disorientati?

Ogni volta che un terremoto colpisce una zona d’Italia, il mio pensiero va immediatamente a tante persone in difficoltà, ai numerosi anziani che non hanno la possibilità di potersi muovere (mi vengono in mente i miei genitori nei loro ultimi anni di vita), a tante persone con disabilità che perdono anche quegli ausili che li rendono un po’ piú autonomi e ai bambini (troppi davvero!).

Ma provo anche tanta rabbia di fronte al fiume in piena di dirette televisive e di parole, quante parole! E poi le presenze in prima fila ai funerali (e so che non potrebbe essere diversamente), e alle promesse elargite a piene mani, le promesse e le rassicurazioni dei primi giorni. E poi… E poi, il silenzio dei media, il silenzio della politica e della società nel suo insieme che torna sl suo quotidiano orticello, dimentica troppo presto ció che è successo e digerisce tutto. Perché la manutenzione ordinaria e straordinaria del nostro territorio non fa notizia, non attira telecamere, non fa audience, non si tagliano nastri!

Ma non c’è bisogno di un terremoto per fare un discorso serio sulla prevenzione che non si fa, quella che riguarda anche altri settori della nostra vita di cittadini, come le ferrovie (stiamo giá dimenticando lo scontro tra due treni sulla linea Andria-Corato in Puglia?), la sicurezza sulle strade (dove le vittime sono sempre di piú i giovani) e – dulcis in fundo – la salute: lo Stato italiano, il “nostro” Stato,  continua ad avere il monopolio dei tabacchi, ma si preoccupa (sigh! 😰) di farci sapere sui pacchetti di sigarette che “il fumo uccide!”

Largo a giovani e donne! Verso le elezioni #2

Leggo su Facebook i post dei candidati-sindaco, riportati pigramente il giorno dopo dal maggior quotidiano locale e quando ho tempo ascolto anche le dichiarazioni (rigorosamente al futuro) che ognuno/a di loro (c’è anche una donna) ci propina un giorno sì e l’altro pure.

faccina sornionaNoto che in vista delle elezioni si riscoprono magicamente due categorie: i giovani e le donne. Certi comitati elettorali sono pieni di ragazzi e ragazze che si fanno carico del quotidiano lavoro di propaganda (manovalanza a costo zero?), ma anche le donne – da sparpagliare nelle liste – sono ricercatissime. Il massimo poi è essere al contempo giovani e donne (meglio se di gradevole aspetto): cinque giovani donne infatti capeggeranno tutte liste per le europee. Che scorpacciata!

Poche parole e nessun ragionamento invece sull’importanza delle competenze, sul valore dell’esperienza, sulla capacità di esercitare indipendenza di giudizio. Eppure…
A livello comunale ci prepariamo ad eleggere il prossimo sindaco della città metropolitana, che maneggerà direttamente il 3% del Fondo europeo di sviluppo (Fesr), gestendo un territorio ed una popolazione ben più vasti dell’attuale. A livello nazionale sceglieremo i rappresentanti italiani in Europa, dove ormai si decide i nostri destini.

Mi piacerebbe avere idee un po’ più chiare e qualche certezza in più per andare a votare con meno riluttanza, ma in realtà – pur cercando di informarmi da fonti diverse – la mia confusione aumenta. So di essere in buona compagnia, ma questo non mi consola, né mi va di intrupparmi in quelle schiere che seguono i pifferai del nostro tempo, quei populisti che sparano a zero su tutto e tutti, senza riuscire a disegnare una visione realmente alternativa a questa società sempre più ferma e rassegnata.

faccina arrabbiataCombattuta tra indignazione e rabbia, in realtà sono stanca di sentir gridare slogan in piazza e in TV,  stanca di ascoltare  chi sembra avere certezze granitiche.
Ho l’impressione  invece che tanti, troppi candidati stiano solo recitando (maluccio, in verità) la loro parte di attori in commedia…

 

Più pilu per tutti!

Più pilu per tutti!

Io ho un sogno… Verso le elezioni #1

25 maggio: fra poco meno di due mesi altra tornata elettorale: a Bari come in altre città si voterà per amministrative ed europee. “Il popolo (!) alle urne”.

Finalmente al lavoro grafici disoccupati, comunicatori in crisi di astinenza, tipografi che stavano per chiudere, pubblicitari e torme di ragazzi pronti per raccattare qualche spicciolo col volantinaggio. Saracinesche desolatamente abbassate saranno rialzate per ospitare i comitati elettorali, insomma gireranno un po’ più di denari. Allegria!

In TV e sulla stampa redazioni politiche al lavoro, pronte a sfornare parole, tante tante parole, a pubblicare bozze di programmi, buone intenzioni a più non posso, polemiche e – potrebbero mai mancare? – la valanga di promesse sempre più roboanti. Sembra una gara a chi la spara più grossa!

faccina ammaccataIntanto nel gran circo mediatico della politica, tra propaganda e demagogia, si aggirano cittadini arrabbiati, diffidenti e disincantati, sempre più storditi dal mare di opinioni che oscurano i fatti (se e quando ci sono), cittadini rassegnati (ma non troppo) sballottati da un populismo all’altro.

Certo c’è ancora qualche mosca bianca, qualcuno che non grida, ma si ostina a parlare (“pacatamente” direbbe Veltroni…) e a voler ragionare, tentando di far capire la complessità dei problemi la cui soluzione non è dietro l’angolo.
Ma come riuscire ad ascoltarlo, a fargli un po’ di spazio in questo stato di conflittualità permanente, in cui è precipitata la politica italiana da un po’ di anni a questa parte?

Io non aspiro a uno stato di quiete, ci mancherebbe altro, il conflitto – quello vero, serio e onesto – è importante, serve a capire i diversi punti di vista, ma ormai sempre più spesso il conflitto viene usato strumentalmente per riempire l’aria di rumore, di voci gridate che si accavallano tra loro, che ci allontanano dal mondo in cui noi faticosamente viviamo, riducendo la realtà a una batteria di slogan ad effetto, puntualmente rilanciati a catena dai media.
I talk show invitano il personaggio più telegenico, quello che buca lo schermo, aggressivo ma di bella (si fa per dire!) presenza, insomma chi fa audience! E noi siamo lì destinatari ogni santo giorno della stessa noiosissima pappa politica,
confusi e sempre più disorientati.

faccina confusaChi ha ragione e chi ha torto? Qual è la soluzione più efficace per risolvere un problema? Ping pong di dati, statistiche a go-go, numeri e percentuali, fonti di tutto rispetto (in inglese, of course), citate con granitica sicurezza dal personaggio di turno, con lo guardo complice rivolto al telespettatore medio.
Che però intanto, armato di telecomando, ha già da tempo cambiato canale!!!

Andiamo a grandi passi verso le elezioni: ed io ho un sogno!
Che aumentino a dismisura i cittadini capaci di spegnere la TV (almeno per un po’), di consultare fonti alternative di informazione, cittadini che s’incontrino tra di loro dopo aver studiato i problemi da affrontare e che discutano serenamente per individuare soluzioni da proporre.
Sogno che aumentino coloro che nelle istituzioni siano capaci di ascoltarli (soprattutto dopo le elezioni), di far tesoro delle idee e delle proposte che vengono dal basso (si dice così, vero?) e di risolvere finalmente problemi che si trascinano da un decennio all’altro.

Sogno un mondo di cittadini che leggano più libri e giornali, più aperti a soluzioni innovative, più maturi e consapevoli del loro potere, sogno un mondo in cui gli eletti si rimbocchino le maniche e senza perdersi in chiacchiere si mettano al lavoro, non dimenticando che sono lì per farci vivere meglio, che sono lì perché noi li abbiamo scelti, “eletti” appunto!

 

 

La società italiana, una società primitiva e malata…

“Il nuovo che avanza in politica non è stato altro che un sogno di finta rivoluzione (2.0) venduto da abili comunicatori – e manipolatori – soprattutto a gente priva di mezzi”.

Vecchia puttana, pompini, schiaffoni e auguri di stupro. Le donne e la politica italiana..

Quando potremo decidere sul nostro fine-vita?

Che ci concedano almeno il testamento biologico.

Che ci concedano almeno il testamento biologico.